La coltivazione

(0 Voti)

La nocciola "Mestega delle Dolomiti" è parte di questo territorio da molti  secoli e fino alla metà del secolo scorso era fonte di sostentamento in  particolare nel periodo invernale.

Attualmente abbiamo a dimora circa 300 piante su 6.000mq di terreno. La piantagione è composta da noccioli autoctoni da reimpianto di polloni  derivanti da piante antiche.

Abbiamo scelto questa strada convinti che una pianta radicata sul territorio da  secoli è ormai adattata al clima locale, non necessitando perciò di trattamenti di alcun tipo.